Cerca
          
Prenota ON-LINE
Choices piccolo hotel Map
DESTINATION
piccolo hotel
HOTELS
piccolo hotel
ADDITIONAL INFO
piccolo hotel
special offers

in off-season

Special offers, discount prices, and packages in the off-season.
links
Hrvstska turistička zajednica
listino dei cambi
EUR17,557787
USD17,168536
GBP18,815802
CHF17,035735
 = 
 
previsioni del tempo
Izvor: DHMZ
  • Home
  •   >  
  • Croazia
  •   >  

Croazia

hotel a conduzione familiare

Chiunque sia venuto in Croazia, vi ha lasciato una parte di sé. Questa verità non è confutata neppure dal fatto che, chiunque la visiti, lasciandola, ne porti con sé un lembo nel cuore. Se dicessimo che ciò riguarda soltanto gli ospiti d’oggi, attratti dal desiderio di trascorrere una piacevole vacanza, diremmo soltanto una mezza verità.

croatiaLa Croazia è una terra da sempre meta di costanti arrivi e partenze. Sul suo suolo si sono incontrate, intrecciate e poi fuse - in un primo tempo - le culture degli Illiri, dei Celti, degli antichi Greci e dei Romani. Successivamente, questo territorio è divenuto un luogo d’incontro dell’Impero Romano d’Oriente e di quello d’Occidente, e poi ancora terreno conteso dai Franchi e da Bisanzio. Qui s’incontrarono divinità veteroslave e illiriche, la Chiesa cattolica ed ortodossa, il Cristianesimo e l’Islam. Se si continua a percorrere la storia sino ad arrivare ai giorni nostri, ci si renderà conto di come la Croazia sia stata da sempre un crocevia di mondi. Mondi come quelli romano, ellenico, germanico, ungherese, ottomano, slavo... I Croati, durante tutto questo lungo arco di tempo, restarono nondimeno ciò che in realtà erano, cioè Croati, e l’incontro con le altre culture li ha solamente arricchiti. Ed è per questo che la storia della Croazia emana, da ogni sua pagina, un aroma diverso. Se le diversità arricchiscono, allora la Croazia è una terra eccezionalmente ricca.

D’altra parte, sembra come che essa sia stata preordinata a tutto questo dalle proprie caratteristiche geografi che. La Croazia, in un piccolo spazio, comprende il Mediterraneo assolato, le montagne prealpine e le pianure pannoniche. Ma non è tutto: in ognuna di queste unità si cela una serie d’aree specifi che. Sapete che il fenomeno carsico croato ha dato il nome, in tutto il mondo, al modo in cui viene indicata una regione in cui predomina la presenza di rocce? O che la Croazia è ovunque chiamata “terra dalle mille isole”? Sapete che la Croazia è uno dei paesi europei più ricchi d’acqua potabile? Questa ricchezza e varietà del suo patrimonio si rifl ette nel modo migliore, forse, nelle sue bellezze naturali, che oggi costituiscono otto parchi nazionali del tutto differenti l’uno dall’altro. Si tratta dei parchi Kornati, Risnjak, Krka, Paklenica, Brijuni, Velebit, Plitvička jezera e Mljet. I laghi di Plitvice sono compresi tra i beni del patrimonio naturale mondiale sotto l’egida dell’UNESCO. Ai parchi nazionali s’affi ancano i parchi della natura Kopački rit, Medvednica, Lonjsko polje, Velebit, Biokovo, Telašćica e Učka.

È facile percepire il valore della diversità quale ricchezza del patrimonio croato, e in ciò siamo guidati dai sapori decisi che la caratterizzano. In particolare, seduti a tavola, possiamo gustare cibi che già nel loro nome indicano la loro provenienza regionale: il pecorino di Pag, il kulen della Slavonia, il prosciutto di Drniš, la supa istriana, l’abbacchio di Cres, lo stomaco alla Gorski kotar, gli scampi del Quarnero, gli štrukli dello Zagorje, le ostriche di Ston, la pogača di Komiža, la gibanica del Međimurje... I sapori di questi cibi sono differenti l’uno dall’altro, ma permane un fi lo comune che li lega assieme: il fatto di essere croati e il fatto di essere sublimi. E gli amanti del vino, qualunque sia la destinazione croata prescelta, non saranno mai delusi dall’offerta enogastronomia locale.

L’intreccio di queste diversità si è rivelato, nell’arco dei secoli, uno stimolo alla creazione, e ciò è ben testimoniato dalle opere d’arte realizzate dalla mano umana. L’elenco dell’UNESCO dei beni appartenenti al patrimonio culturale mondiale richiama i valori unici ed universali dell’antica città di Dubrovnik, il Palazzo di Diocleziano a Split, la cattedrale di San Giacomo di Šibenik, il nucleo storico medievale di Trogir e del complesso della Basilica di Eufrasio a Poreč e il Campo di Stari Grad (Chora Pharou) sull'isola di Hvar (Lesina). Sulla lista rappresentativa del Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità dell'UNESCO si trova, invece, la Festa di San Biagio, la lavorazione del merletto di Lepoglava, Hvar e Pag (Pago), le sfilate carnevalesche annuali degli scampanatori del Castuano, la processione “Za Križem” della settimana santa sull’isola di Hvar, i canti a due voci in scala esafonica non temperata dell’Istria e del Quarnero, la Sfilata Annuale Primaverile di Ljelja detta “Regina” di Gorjani e la maestria nella tradizionale produzione artigianale dei giocattoli in legno nello Zagorje Croato. Grazie ad essi, la Croazia è tra i paesi con il maggior numero di beni immateriali protetti iscritti nella Lista dell’UNESCO.


La Croazia incrocio e crocevia di mondi – attende a braccia aperte tutte le persone di buon cuore.

OMH B2B
 CONTACT US
+385 (0)21 317 880
Hotels

S'inscrire a la newsletter
 

  Follow Me on Pinterest

   Subscribe to me on YouTube

informazioni
membro associato

Generalni sponzori